Gli ibridi tra leoni e tigri

Share

Novosibirsk (Russia), 18 set. 2012 (LaPresse/AP) – E’ nato nello zoo di Novosibirsk in Russia il primo cucciolo di ‘liliger’, un tenero micione che ha per genitori un leone africano, il padre Sam, e un liger, già incrocio tra leone e tigre, la madre Zita. Kiara, questo il nome del cucciolo, è quindi un duplice incrocio. Ma le sua identità felina, con la crescita, si farà ancora più confusa, in quanto la piccola è allevata da un comune gatto domestico. La madre infatti non ha abbastanza latte per soddisfare la sua fame. I custodi dello zoo danno a Kiara il latte ogni 3 ore, mentre la gatta la coccola e la segue nei suoi spostamenti. Roza Solovyova, a capo della sezione felini dello zoo, ha spiegato: “Credo che la cucciola abbia più i tratti della tigre che quelli del leone”.

Non è quindi più così remota la possibilità di commistione genetica tra le due specie “cugine”, anatomicamente molto simili ma con abitudini di vita e comportamenti molto differenti.  Il leone abita in branchi di molte leonesse dominato da pochi maschi, in genere fratelli mentre la tigre è un animale solitario. La possibilità di scambi genetici tra le due specie pone altresì un interrogativo etico, infatti questo potrebbe sconvolgere il comportamento diverso dei due predatori, codificato così da millenni di evoluzione. Leoni e tigri non si incrocerebbero in natura volontariamente, perchè vivono in ecosistemi differenti. Gli ibridi avvengono solo in cattività, perchè benchè attualmente l’areale di diffusione delle due specie non ha zone condivise con l’eccezione di un parco naturale in India, le aveva anticamente quando l’areale di entrambe era molto più vasto, poi ridotto dall’aumento della popolazione umana, dalla caccia, dalla riduzione di prede naturali e quindi da una riduzione generale dell’habitat, come accaduto a molte altre specie.. La fusione delle due specie o l’introduzione di caratteri genetici di una specie nell’altra potrebbe quindi avvenire, ma per via dell’intervento umano.

Il Liger o Ligre

La ligre, litigre o leontigre è il felino più grande del mondo, frutto dell’incrocio tra un leone maschio e una tigre femmina. La ligre cresce più dei leoni e delle tigri, si ritiene che questo accada poiché in questo caso la tigre femmina non trasmette nessun gene inibitore della crescita come avviene nelle leonesse e non avendo questo gene, le ligri hanno un ritmo di crescita molto più elevato, sino al raggiungimento della taglia massima a circa 6 anni (come in leoni e tigri). Questo rende la Ligre il più grosso felino al mondo per dimensioni. Gli esperti chiariscono che, attraverso l’incrocio, gli individui della specie giungono ad avere delle caratteristiche fisiche e comportamentali attribuibili ad entrambe le specie. Sarà per questo che il liger riesce a nuotare come le tigri e si mostra socievole, come è tipico dei leoni. Tutti i ligre maschi conosciuti sono sterili, mentre le femmine sono fertili e si possono accoppiare con tigri, dando vita al ti-ligre, o con leoni, dando vita al leo-ligre. Questi incroci pongono il problema dell’inquinamento genetico tra le due specie e vanno a modificare gli equilibri della natura.

Attualmente casi di coesistenza tra leoni e tigri si hanno nella foresta di Gir, in India, unica zona al mondo dove sopravvive il leone asiatico o leone indiano, che anticamente era diffuso dall’India, passando per l’Iran fino al mediterraneo e in Grecia. Un tempo anche in Europa si trovavano i leoni. Aristotele ed Erodoto scrissero che erano presenti nei Balcani. Quando il re persiano Serse avanzò attraverso la Macedonia nel 480 a.C. vari cammelli che trasportavano le vettovaglie furono uccisi dai leoni. Si ritiene che questi felini siano scomparsi dai territori dell’attuale Grecia attorno all’80-100 d.C. Nell’arte mitologica greca la figura del leone di Nemea è strettamente associata alle raffigurazioni di Eracle/Ercole. Nella Bibbia esso è citato svariate volte e inoltre una delle tribù d’Israele, la tribù di Giuda, ha come emblema un leone. Il leone scomparve dalla Turchia, Mesopotamia e Arabia verso la fine della Prima Guerra Mondiale, mentre dall’Iran scomparvero verso gli anni ’40. In Pakistan e Afghanistan scomparve verso la fine del XIX secolo. In India la specie venne estirpata dagli stati del Rajastan, Punjab, Uttar Pradesh e Madhya Pradesh verso la fine del XIX secolo.

Il Gir Forest Wildlife Sanctuary fu istituito nel 1965 per salvare dall’estinzione gli ultimi leoni asiatici sopravvissuti grazie alla protezione che godevano nella zona sin dal 1900 e il cui numero era andato tuttavia pericolosamente diminuendo negli ultimi decenni. All’interno di esso è stato istituito il Gir Forest National Park, conosciuto anche come Sasan-Gir National Park.

Il Tigone

Il Tigone è l’incrocio tra un maschio di tigre e una leonessa. A differenza del ligre è più piccolo di leoni e tigri, questo perchè sia la tigre maschio che il leone femmina trasmettono entrambi il gene inibitore della crescita. I tigoni maschi conosciuti sono sterili, mentre le femmine sono fertili. Ci sono già stati casi in cui un tigone femmina si è accoppiato con una tigre e ha dato vita ad un ti-tigone.

Altri articoli:

Perchè le falene, farfalle notturne, moscerini e altri insetti, sono attirate dalle luci di lampioni, lampade ed altre fonti luminose

Ecco perché gli omega 3 Epa e Dha dell’olio di pesce sono più potenti degli omega 3 vegetali (acido alfa linolenico)

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *